Sweet Emotion Travel | ORVIETO, NARNI E CIVITA DI BAGNOREGIO 24-25 OTTOBRE 2020
17026
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-17026,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive
 

ORVIETO, NARNI E CIVITA DI BAGNOREGIO 24-25 OTTOBRE 2020

Primo giorno 24 ottobre 2020

Pranzo libero, cena in hotel con bevande incluse.

Incontro dei Signori Partecipanti in Piazza Mercato di Abano Terme, sistemazione in bus G.T. e partenza alle ore 6,00 per Orvieto. Sosta lungo il percorso secondo necessità. Arrivo in tarda mattinata a destinazione e tempo libero. Alle ore 13.30 incontro con la guida e mezza giornata dedicata alla scoperta di questa straordinaria città d’arte. Arroccata su di una enorme rupe di tufo biondo che si staglia fra i 20 e i 50 metri dal piano della valle del fiume Paglia, affluente di destra del Tevere. Orvieto fu nell’antichità un notevole centro etrusco e successivamente un importante comune medievale. Durante il XIII secolo fu sede di cinque papi: Urbano IV, Gregorio X, Martino IV, Nicola IV e Bonifacio VIII. Orvieto è in realtà composta di due città: una in superficie, l’altra sotterranea, interamente ricavata dalle cavità scavate dagli abitanti nel corso dei secoli, ricca di pozzi e grotte; il più famoso è il Pozzo di San Patrizio, straordinaria opera di ingegneria civile del Cinquecento, fu scavato per volere di Clemente VII, rifugiatosi ad Orvieto durante il sacco di Roma nel 1527. La sua realizzazione, voluta per motivi di sopravvivenza in caso di assedio o calamità naturali ha dimensioni impressionanti: profondo 62 metri, ha un diametro di 13,5 metri. Tutt’attorno si snodano due scale a chiocciola elicoidali che non si incontrano mai; le due scalinate, composte da 248 gradini ognuna, ricevono luce da 72 finestre creando un’atmosfera surreale. Visita del Duomo, una delle più significative creazioni di architettura gotica italiana, del Pozzo di San Patrizio, Piazza Repubblica, Piazza del Popolo, vicoli e scorci medioevali. Trasferimento a Narni, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

 

Secondo giorno 25 ottobre 2020

Prima colazione in hotel. Alle ore 09.00 incontro con la guida ed inizio della visita della città: Ponte di Augusto, Cattedrale di San Giovenale, Chiesa di San Francesco, Chiesa di Santa Maria Impensole, Palazzo dei Priori, Foro Romano, vicoli e scorci medioevali. Si prosegue in tarda mattinata con la visita guidata della Narni Sotterranea che si effettuerà suddivisi in gruppi. Pranzo libero.

Narni sorge su uno sperone a dominio della gola del Nera e della conca ternana tra Umbria e Lazio. Riconosciuta oggi “Centro Geografico d’Italia” seguito studi e rilevamenti dell’istituto Geografico Militare. In antichità fu Nequinum, nome che evoca incerte vicende, rudezze e malvagità; conquistata nel 299 a.C. divenne colonia romana col nome latino di Narnia, dal fiume Nahar, oggi il Nera, che scorre ai suoi piedi. Secondo molti autori il grande ponte sul Nera fu costruito nel 27 a.C. dall’imperatore Augusto dal quale prende il nome. Dopo la caduta dell’impero Romano la cittadina viene conquistata prima dai Goti, dai Longobardi e, con il Ducato di Spoleto, la città diventò una fortezza di confine tra il potente Ducato e lo stato romano. Nel 741 la città venne assegnata dai Franchi allo Stato della Chiesa. Nel XIl secolo si innalza la Cattedrale e l’ urbanistica medievale le trasformazioni sono radicali: la Platea Major sostituisce il foro romano, si costruiscono i grandi edifici civili e religiosi come il Palazzo del Podestà, il Palazzo dei Priori, la Cattedrale di San Giovenale, le chiese di Santa Maria Impensole, San Domenico e Sant’ Agostino decorate con opere di artisti di fama quali Benozzo Gozzoli, il Vecchietta, Pier Matteo d’Amelia, lo Spagna. Sotto il pontificato di Gregorio XI viene costruita dal cardinale Albornoz un’imponente Rocca che domina la città dall’alto e nel 1664 fu fondata la Biblioteca Comunale.

 

Nel primo pomeriggio proseguimento per una deliziosa visita di Civita di Bagnoregio, nota come “la città che muore”. Luogo di struggente bellezza posto su di un’isolata massa tufacea, nel mezzo della Valle dei Calanchi, collegato al mondo attraverso una stretta passerella. Arrivare a Civita significa tuffarsi in un mondo antico ed intatto dove tutto si è fermato. L’affascinante borgo medievale dell’alto Lazio, nel suo ultimo tratto, è raggiungibile solo a piedi tramite un ponte di trecento metri. Dall’antico borgo si gode uno dei panorami più suggestivi sulle famose crete. Tempo libero per la visita del Duomo, del luogo della casa natale di San Bonaventura, del solitario e silenzioso borgo, testimonianza della civiltà etrusca di cui fu importante centro. Al termine partenza per il rientro previsto in serata.

 

Quota di partecipazione € 185,00

 

La quota comprende: Bus G.T.; Accompagnatore Agenzia; Sistemazione in hotel 3 stelle in camera doppia con servizi privati; Pasti come da programma con bevande incluse (¼ di vino e ½ di acqua); Servizio di guida locale come da programma; Assicurazione base gruppi Medico/Bagaglio/Covid-19.

 

La quota non comprende: Ingressi al Duomo di Orvieto, al Pozzo di San Patrizio, alla Narni Sotterranea, musei e/o monumenti; Mance ed extra di carattere personale; Supplemento camera singola euro 25,00; Assicurazione annullamento; Tassa di soggiorno; Tutto quello non espressamente indicato alla voce la quota comprende.

  1. Il programma potrebbe subire delle variazioni in base ad esigenze o necessità organizzative.
  2.